Musei e Social: quando la cultura incontra la comunicazione 2.0

I musei e il settore dell’arte aprono le porte ai social network. Cataloghi su Instagram, librerie multimediali su Pinterest, promozioni di mostre e hashtag virali su Twitter. Sono solo alcune delle proposte per le nuove strategie di comunicazione che caratterizzano i musei nel mondo. E in Italia? Siamo al passo con i tempi?

Da qualche anno ormai anche il settore della cultura si è avviato verso un suo risveglio digital cominciando ad adottare gli strumenti messi a disposizione dal web 2.0. Ma perché un museo sente il bisogno di aprire un proprio profilo sui più importanti social network del momento? Per molte realtà museali sta diventando importante mutare i processi di accesso alla cultura andando a stimolare nuove forme di socializzazione e coinvolgimento che fino ad ora non avevano adottato.

 

Il passaparola virtuale che si manifesta con la condivisione di link, attraverso i “like” su Facebook o i retweet, diventa importante perché assume spesso una dimensione viraleIn questo modo si cerca di stimolare il pubblico, creare interesse e coinvolgimento sulle opere di grandi artisti, promuovere mostre ed eventi.

Attraverso i social, che vanno ad affiancare il sito web, si cerca dunque di far incontrare la cultura con più fasce d’età, cercando di attirare in primis i giovani. Attivando processi di Audience Development si elaborano così soluzioni coinvolgenti per creare un rapporto diretto con il pubblico, rendendolo partecipe e co-protagonista dell’opera d’arte. Voi cosa ne pensate?

 

Fonte: https://compassunibo.wordpress.com/2016/06/22/musei-e-social-quando-la-cultura-incontra-la-comunicazione-2-0/

Posted on 16 settembre 2016 in Blog

Back to Top