Category Archive for: Blog

-THE IMPOSSIBILITY OF LOVE-

Kila & Rusharc viaggiano verso territori fanstastici, alla ricerca di nuovi parametri del possibile. La loro ultima collaborazione, “The Impossibility of Love”, apre su paesaggi onirici, composti da materia organica e oggetti. Con un principio ben in mente, “L’Amour Fou” di André Breton.

The Data Center Mural Project, i murales di Google

  Si può dipingere qualcosa che non esiste? Pare proprio di sì, visto che l’ultima idea di street art rappresenta sui muri i Data Center, o centro elaborazione dati, questi luoghi non luoghi in cui vengono immagazzinati milioni di dati, tra immagini, parole, documenti e molto altro.

“POINT OF VIEW”- La vita è fatta di punti di vista.

Un artista poliedrico, curioso e deciso, Simone Berno, che non si accontenta di utilizzare una sola forma espressiva ma continua ad esplorare tecniche e strutture compositive sempre nuove. Proprio nella nostra Galleria “Spazio Anna Breda”, è possibile ammirare la sua ultima opera “Point Of View”, non solo una scultura ma un invito a fermarsi, a…

Read More →

L’ATTRAZIONE DELL’EFFIMERO: È UN’OPERA D’ARTE O UN GRANDE EVENTO?

Appaiono e scompaiono, come le onde del lago. Fenomeni d’arte. Sono le installazioni contemporanee concepite da grandi artisti per un breve spazio di tempo. Imprese gigantesche studiate per anni e destinate a suscitare un impatto spettacolare che duri l’attimo di un’emozione o poco più.

TRA PRODOTTO ARTIGIANALE ED INDUSTRIALE: DEKOTONHENGE

Una fusione tra prodotto artigianale e industriale, tra roccia grezza antica e tecnologia sofisticata. Sono i contrasti a rendere speciale il progetto “Dektonhenge”, realizzato da Apparatu. A realizzare gli arredi sono Xavier Mañosa e Cosentino, fondatori dello studio di design e sperimentatori audaci.

DAL RITRATTO STREET ALLA SPERIMENTAZIONE FASHION

Jack Davison è cresciuto nell’Essex e ha iniziato a fotografare a 15 anni con la sua compatta Canon IXUS. Oggi ha 26 anni e ha fatto della spontaneità la scintilla creativa del suo stile fotografico, d’impronta documentaristica ma dall’istinto sperimentale.

“Ci parlano anche da fermi”.Gli oggetti di Aldo Bakker

“Ci parlano anche da fermi”. Così Aldo Bakker,  ha definito i suoi oggetti per la tavola e sedute, dove l’unica differenza fra arte e design è nella funzione. Emblematico, come sempre, nel suo minuzioso lavoro sulla materia e sulle forme è il sottile gioco d’equilibrio, l’invito a compiere gesti naturali ma inconsueti. Come accade con le…

Read More →

CREATURE MITOLOGICHE O ARTE CHE CAMMINA? Gli strandbeest di Theo Jansen

Si muovono come ragni, ma somigliano a creature mitologiche: sono strandbeest (animali della spiaggia), sculture “cinetiche”, ossia fatte per spostarsi sospinte del vento, da aria compressa e in qualche caso anche da spettatori attivi.

E SE LA PIRAMIDE DEL LOUVRE SPARISSE? Tranquilli è solo un’illusione di JR

Chi si trovasse a Parigi in questi giorni, e fino al 28 giugno, potrebbe notare che… manca qualcosa. Che fine ha fatto l’iconica piramide trasparente all’ingresso del Louvre? È scomparsa grazie alla sapiente illusione creata dall’artista JR, che ha ricreato su uno degli elementi architettonici più famosi al mondo un effetto trompe l’oeil su grande…

Read More →

TRA MODA E SCULTURA, Leva Mezule

Ho sempre pensato e continuo a farlo, che la moda sia un meraviglioso modo di rendere ancor più accessibile e fruibile l’arte. Ci sono alcuni stilisti, in particolar modo, che riescono a creare abiti al limite tra scultura e stile, uno di questi è Ieva Mezule, designer lettone. Con la collezione “Ores”, racconta una storia…

Read More →

Back to Top